Razza

Cenni storici 

Nel gennaio del 1895 viene registrato il primo cane dalla S.V. (Schäferhund Verein):Horand Von Grafath.

In seguito lo Standard viene stabilito e approvato dalla S.V. il 20 settembre 1899, secondo le proposte di A. Mayer ma soprattutto di Max Von Stephanitz (creatore della razza e della associazione)

Il Pastore Tedesco fu selezionato da ceppi appartenenti a cani da pastore esistenti allora nella Germania centrale e meridionale, con l'obiettivo finale di creare un cane di utilità idoneo a prestazioni importanti. Successivamente lo standard venne esteso e completato nel corso degli anni, fino all'ultima rielaborazione avvenuta nel 24 marzo del 1991 dal WUSV. 

 

 

Standard del Pastore Tedesco

Il carattere del Pastore Tedesco è buono (salvo provocazione) equilibrato, saldo di nervi, sicuro di sé e disinvolto. Ma anche vigile e docile, per essere idoneo come cane da accompagnamento, da guardia, da difesa, di servizio e da pastore.

Inoltre deve avere coraggio, combattività e tempra.

La testa è cuneiforme e proporzionata alla taglia (la lunghezza è circa il 40% dell'altezza al garrese), non si presenta né tozza né molto allungata, asciutta nell'insieme e larga tra le orecchie.

La fronte è lievemente convessa, senza solco mediano

Il rapporto che vi è fra cranio-muso è 1:1. La larghezza del cranio è uguale alla sua lunghezza. Vista dall'alto la testa si rimpicciolisce verso il muso cuneiforme, dalle orecchie al tartufo, con salto naso-frontale leggermente pronunciato. Mascella e mandibola sono sviluppate e forti. Le labbra sono scure, e combaciano

La dentatura è forte, sana e completa di 42 denti, gli incisivi superiori combaciano a forbice con quelli inferiori. Grazie alla Mascella e alla mandibola molto forti, i denti arrivano in profondità nelle gengive.

Gli occhi hanno una grandezza media, a mandorla, leggermente inclinati e non sporgenti. Il colore degli occhi è scuro per non alterare l'espressione del cane.

Le orecchie sono dritte e di grandezza media, che finiscono a punta. 

Il collo è forte e muscoloso ed ha una inclinazione di circa 45°.

Il tronco di circa il 10-17% supera l'altezza al garrese.

La siluette superiore si presenta senza interruzioni dall'inserzione del collo, sino alla groppa leggermente inclinata. Il dorso è robusto e ben muscoloso. La groppa è lunga e leggermente inclinata e decorre, senza interrompersi dalla linea superiore, verso l'attaccatura della coda. Il torace è abbastanza largo con la parte inferiore lunga e ben sviluppata. L'altezza toracica deve corrispondere al 45-48% dell'altezza al garrese. Le costole sono moderate e convesse.

La coda dovrebbe arrivare fino all'altezza al garretto, senza superare la metà del metatarso. Nella parte inferiore la coda ha il pelo un po' più lungo e viene portata pendente, poco piegata ad arco, e quando il cane è eccitato o in movimento, la coda resta più sollevata, ma non oltre l'orizzontale. 

Gli arti si presentano diritti e osservati dal davanti, sono paralleli. La scapola e l’omero sono aderenti al tronco e di pari lunghezza. 

L'angolo fra la scapola e l'omero è idealmente di 90°, di norma fino a 110°. Sia da fermo che in movimento, i gomiti non sono né aperti all’esterno né troppo aderenti.

Gli avambracci sono diritti, asciutti, muscolosi e tra di loro paralleli. Il metacarpo è 1/3 dell’ avambraccio, e crea con questo un angolo di circa 20-22°. Gli arti posteriori hanno una posizione arretrata, mentre gli appiombi, sono paralleli. Femore e tibia hanno uguale lunghezza e formano un angolo di circa 120°. La coscia è forte e muscolosa. I garretti sono robusti e solidi e il metatarso è perpendicolare al garretto.

I piedi sono chiusi, leggermente arcuati, la pianta del piede è dura e di colore scuro. 

Le unghie sono forti, arcuate e di colore scuro.

In movimento il Pastore Tedesco è un trottatore. Gli arti devono essere armonici nel rapporto lunghezza e angolature, per consentire che il posteriore arrivi a livello del tronco e l’anteriore si allunghi ampiamente, senza sostanziali spostamenti della linea superiore. Le proporzioni e le angolature consentono un movimento spazioso, tale da dare all’osservatore l’impressione di un procedere molto fluido ed agile. In un trotto calmo ed uniforme, con la testa in avanti e la coda poco sollevata, si può osservare una linea superiore senza interruzioni, che dalla punta alle orecchie, attraverso il collo ed il tronco, si porta fino all’estremità della coda.

La pelle è aderente e senza pieghe.

Il pelo è duro con sottopelo, quello di copertura deve essere più possibile fitto, duro e molto aderente. In testa, nella parte interna delle orecchie, davanti agli arti, ai piedi e alle dita, il pelo è corto, invece sul collo è più lungo e folto. Nella parte posteriore degli arti, il pelo s’allunga rispettivamente sino all’articolazione del carpo e fino al garretto; sulla parte posteriore della coscia forma dei "pantaloni".

Il colore è nero con focature rosso-brune, brune, gialle fino al grigio chiaro. Nero e grigio, con sfumature grigie più scure. Sella e maschera nere. Con ogni tipo di colore, il tartufo deve essere sempre nero. Il sottopelo è di tonalità leggermente grigia.

 

 

Taglia e peso

L'altezza del maschio al garrese va da 60 a 65 cm – peso da 30 a 40 Kg

L'altezza della femmina al garrese da 55 a 60 cm – peso da 22 a 32 Kg